Riconosci la violenza

Sostienici

A chi ci rivolgiamo

A chi ci rivolgiamo

Ci rivolgiamo alle donne che hanno subito violenza domestica, stalking e/o abuso sessuale

Con chi interagiamo

Con chi interagiamo

Interagiamo con la Rete istituzionale del territorio, con le strutture del Terzo Settore, con i Centri antiviolenza della rete nazionale D.I.R.E

Numeri utili

logo telefono

031 30 45 85

800 166 656

333 3908 955

PER LA TUA SICUREZZA SCARICA SUL TUO CELLULARE LE APPLICAZIONI

Logo di 112 Where are you

Logo di 1522 Antiviolenza e Stalking

Potrai averle così a portata di mano in caso di pericolo.

ORARI DI APERTURA

Le nostre volontarie rispondono negli orari di apertura del Centro, negli altri orari è attiva la segreteria telefonica.   Si riceve su appuntamento.

Per le emergenze chiamare il: numero unico di emergenza 112

GiornoOraAgosto
Lunedì 10:00 - 16:00 09:00 - 14:00
Martedì 09:00 - 14:00 09:00 - 14:00
Mercoledì 13:00 - 18:00 09:00 - 14:00
Giovedì 09:00 - 14:00 09:00 - 14:00
Venerdì 13:00 - 18:00 09:00 - 14:00

Destina

Cinque per mille

Nella tua dichiarazione dei redditi puoi destinare il 5 per mille dell’imposizione fiscale personale a sostegno della nostra associazione.

Questo è il nostro codice fiscale:
95042880138

Sostieni l'associazione
Telefono Donna Como

Se vuoi sostenere l’associazione puoi versare un contributo a: Associazione Telefono Donna Como

IBAN:
IT79C0832910900000000302326
c/o BCC Via Rubini, 3 Como

HAI BISOGNO DI AIUTO?

Se subisci molestie, maltrattamenti e abusi in famiglia o in altri contesti e vuoi intraprendere un cammino di uscita dalla violenza, possiamo aiutarti. Ricorda, non sei sola!

La violenza nei confronti delle donne si può manifestare in vari modi, che possono presentarsi tutti assieme o in modo isolato, fine comune di questa è il controllo sulla donna.

  • Violenza psicologica: un insieme di atti, parole o sevizie morali, minacce e intimidazioni utilizzati come strumento di costrizione e di oppressione. Lui ti minaccia, ti critica costantemente, ti insulta, ti sminuisce...
  • Violenza fisica: l'impiego della violenza fisica o della minaccia dell'uso di questa. Spintoni, pugni, strattonamenti, schiaffi...
  • Violenza sessuale: questo tipo di violenza comprende ogni forma di coinvolgimento in attività sessuali senza il tuo consenso.
  • Violenza economica: ogni forma di controllo sulle finanze economiche, che ti impedisce di poter usufruire liberamente dei tuoi risparmi o di trovare un lavoro.
  • Violenza assistita: è una forma di violenza indiretta nei confronti di minori, che si verifica in presenza di violenza domestica.
  • Stalking: sono comportamenti persecutori, continuativi nel tempo, che incutono nella donna timore per sé e per le persone a lei care (pedinamenti, controlli continui, telefonate, messaggi (anche whatsapp) incessanti...)

RICONOSCI LA VIOLENZA

Se non sei sicura di essere vittima di abusi o di essere in pericolo, prova a compilare il Questionario I.S.A.

VUOI AIUTARE UNA PERSONA A TE CARA?

In una situazione di maltrattamento spesso è difficile per la vittima parlarne o chiedere aiuto. Se sei un amico o un parente di una donna che sta subendo violenza o che temi la stia subendo, parla con lei, ascoltala senza alcun pregiudizio, diventa la sua spalla amica.

Se sei una madre, un padre, un fratello, una sorella, un’amica, con il tuo sostegno puoi aiutarla a prendere consapevolezza della sua situazione e a scegliere di chiedere aiuto.

Se hai bisogno di aiuto per una donna a te cara, contattaci, insieme possiamo aiutarla a ritrovare se stessa.

Click here for information
  • Concorso "Cambiare con la moda" 29 maggio 2021: premiazione degli studenti

    Grande performance degli studenti del Setificio I.S.I.S. Paolo Carcano, Casnati e Cometa nel Concorso "Cambiare con la moda" indetto da TELEFONO DONNA COMO presso il Palazzo del Fascio, prestigiosa sede del comando provinciale della Guardia di FInanza.

    I ragazzi hanno presentato creazioni tessili di grande originalità e accuratezza del disegno. Ma la vera sfida è stato il messaggio di non violenza che ciascuno di loro ci ha voluto trasmettere, attraverso le "parole chiave": rinascita, libertà, ricostruzione, forza e AMORE da cui sono scaturite le idee creative.

    Le Aziende tessili RATTI e ACHILLE PINTO, che si ringraziano, hanno generosamente fornito i tessuti e realizzato le stampe.

    La Commissione esaminatrice è stata molto impressionata dalla creatività, profondità dei messaggi, capacità di trasformare l’idea in progetto e qualità dei prodotti presentati dagli studenti.

    Le tre finaliste sono:

    • Fiorenza Fusco (Istituto Cometa) “Guardati”
    • Elisa Lietti (I.S.I.S Paolo Carcano) “Viaggio”
    • Sveva Perrone (Cometa) "Sole e luna”

     

    Un ringraziamento particolare al Comandante della G.F. e alla Presidente dell'associazione Soroptimist Club Como che ha messo a disposizione i premi per i primi tre classificati.

Ultime news

PROGETTO CAMBIARE CON LA MODA: è partito il corso di formazione sartoriale per cinque donne seguite dal nostro Centro Antiviolenza e dalla Casa di accoglienza

22 Ott 2021

Il nostro progetto di inserimento lavorativo è partito con il corso di sartoria pensato per le donne vittime di violenza.
Cinque donne, seguite dal nostro Centro e dalla Cooperativa L’Una e Le altre”, hanno scelto l’arte del taglio e del cucito
per rimettersi  in gioco. La formazione si svolge presso l’Atelier di sartoria CouLture Migrante di Como. Le Cinque protagoniste,
per un mese e mezzo circa, riceveranno lezioni teoriche e pratiche da personale qualificato che le seguirà in ogni fase progettuale.
Un'opportunità per queste donne di potersi rendere autonome sviluppando nuove competenze.
ti guido rev    macchina da cucire
 
kit taglio cucito rid    tessuto rid

Scegli la gentilezza e il rispetto: fai sentire la tua voce

10 Lug 2021

Un concorso per sensibilizzare e contrastare la violenza sulle donne

Nell'ambito delle attività programmate per il prossimo 25 novembre - Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne - il Comune di Como, di concerto con la Rete Interistituzionale Antiviolenza di cui è capofila, promuove il concorso “Scegli la gentilezza e il rispetto: fai sentire la tua voce", rivolto agli studenti delle scuole superiori della provincia di Como. La gestione del concorso è stata affidata a Spazio Giovani Impresa Sociale, che da anni si occupa di progetti rivolti ai ragazzi.

L’iniziativa nasce per sensibilizzare la cittadinanza e promuovere comportamenti che possano aiutare a contrastare e prevenire la violenza sulle donne, nello specifico attraverso il ruolo attivo che ciascuno studente può avere in tale azione. 
I partecipanti possono presentare, singolarmente o in gruppo (massimo sei persone), uno di questi format: video, grafica, o testi; l'elaborato dovrà rappresentare riflessioni, esperienze, narrazioni, slogan visivi, grafici, sonori o testuali, pensati per sensibilizzare su uno o più obiettivi del progetto: respingere, contrastare e denunciare comportamenti di violenza sulle donne e qualsiasi forma di discriminazione di genere; promuovere una prospettiva culturale che valorizzi le differenze di genere in ogni settore e ambito della società.

La scadenza per partecipare al concorso è fissata alle ore 12 del 30 ottobre 2021. Gli elaborati devono essere inviati in direct su Instagram al profilo @ioscelgoilrispetto o inviati all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La premiazione è in programma il 25 novembre, nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. I primi classificati di ognuno dei tre format previsti saranno premiati con un buono acquisto del valore di 400 euro attraverso una carta prepagata per acquisti in un maxistore di articoli elettronici e digitali. Ai secondi e terzi classificati sarà rilasciato un attestato per la valorizzazione delle proprie competenze curriculari.

Il bando


 

La convenzione di Instambul siamo noi

17 Giu 2021

 La Convenzione di Istanbul è un importante strumento che può divenire "globale" e coinvolgere altri Paesi. La società civile deve vigilare affinché i Governi rispettino e tutelino il diritto di

tutti gli individui, e in particolare delle donne, di vivere liberi dalla violenza, sia nella vita pubblica che privata